Il vescovo Delpini.
in foto: Il vescovo Delpini.

Sarà celebrata senza pubblico, ma verrà trasmessa in diretta tv la Messa di domenica 1 marzo che darà inizio alla Quaresima a Milano. La celebrazione sarà presieduta dall'Arcivescovo, il cardinale Mario Delpini, dalla Cripta del Duomo. Una cripta dove non ci saranno fedeli: chi vorrà potrà infatti seguire la messa su Rai 3, dove verrà trasmessa in diretta su tutto il territorio regionale lombardo dal Tgr Lombardia.

Le messe sono sospese per l'emergenza Coronavirus

L’iniziativa non ha precedenti, ed è stata pensata per rispettare le misure di contenimento del Coronavirus disposte dalla Regione Lombardia ed emanate dal presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, di concerto con il ministro della Salute, Roberto Speranza: tali misure hanno previsto tra l'altro la chiusura di scuole, università, musei e anche la sospensione delle messe, per evitare gli assembramenti di persone che potrebbero favorire la circolazione del virus.

Oltre alla messa in tv anche preghiere sui social network

La Messa inizierà alle ore 11: "Seppure in questa forma del tutto particolare – spiega la Diocesi di Milano in una nota – dettata dall’esigenza di tutelare la salute pubblica recependo le indicazioni delle autorità competenti, al momento della comunione tutti i fedeli saranno invitati a recitare la formula della Comunione spirituale e al termine si svolgerà il rito dell’Imposizione delle ceneri". A Milano si segue il rito ambrosiano: le Ceneri non si celebrano il mercoledì, come nel resto d'Italia, ma la domenica dopo, all'indomani della fine del Carnevale ambrosiano (i cui eventi e festeggiamenti sono stati annullati per via dell'emergenza da Covid-19).  Oltre alla messa trasmessa in diretta tv, sempre durante il periodo di Quaresimo l'arcivescovo pregherà a distanza con i fedeli, tramite social network. Ogni giorno alle 6.28 si terrà un momento di raccoglimento che verrà trasmesso attraverso il portale della Diocesi di Milano al link www.chiesadimilano.it/6e28 e sugli account ufficiali dei canali social diocesani (Facebook, Twitter, Instagram, Youtube) con l’hashtag #6e28. "Contro i mali del mondo, la preghiera è la nostra arma più preziosa", ha sottolineato l’Arcivescovo Delpini.