1.077 CONDIVISIONI
Covid 19
19 Marzo 2020
18:30

Coronavirus, in Lombardia 19.884 contagiati e 2.168 morti: “Probabile chiusura attività produttive”

Il bollettino della Lombardia riguardo l’emergenza Coronavirus di oggi, giovedì 19 marzo, riporta ancora numeri non positivi. Sono 19.884 i contagi (+2.171 da ieri da ieri), ci cui 7.387 ricoverati in ospedale (ieri erano 7.285) mentre sono 1.006 i pazienti in terapia intensiva (erano 924 ieri). Aumenta anche il numero dei decessi arrivato a 2.168 rispetto ai 1.959 di ieri.
A cura di Chiara Ammendola
1.077 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Doveva essere il giorno per una prima inversione di tendenza, oggi, giovedì 19 marzo, ma i dati del bollettino della Lombardia per l'emergenza Coronavirus non paiono andare ancora in quella direzione. Secondo quanto comunicato dall'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, sono 19.884 i casi positivi (più 2.171 da ieri), ci cui 7.387 ricoverati in ospedale (ieri erano 7.285) mentre sono 1.006 i pazienti in terapia intensiva (erano 924 ieri). Aumenta anche il numero dei decessi arrivato a 2.168 rispetto ai 1.959 di ieri. Questo quanto emerso nel corso della quotidiana conferenza stampa. "C'è bisogno che il motore di tutto questo siate voi, ed è probabile che si vada a chiedere un restringimento delle misure per aiutarci ad affrontare questa emergenza – ha spiegato Gallera – anche riducendo gli spostamenti per motivi lavorativi perché si chiuderanno parte delle attività lavorative o magari ancora di più".

I contagi nelle principali province lombarde

La provincia di Bergamo resta la più colpita dall'emergenza sanitaria, con 4.645 casi positivi (più 340 rispetto a ieri). Non migliora la situazione nemmeno a Brescia, che raggiunge quota 4.247 casi (più 463 rispetto a ieri). A Milano i contagiati salgono 3.278 (più 634 rispetto a ieri), 1.378 casi solo in città, a Como 338 (più 52 rispetto a ieri), a Sondrio 155 (più 80 casi in sole 24 ore), a Crema 2.286 (più 119) e a Lecco 530 (più 64).

Gallera: Medici in aiuto dalla Cina oltre che da Cuba

Sulla situazione l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera ha così commentato: "Abbiamo aperto un numero enorme di posti letto, da 724 a 1.250, in Terapia Intensiva (ogni notte arrivano dalla Protezione civile 25 respiratori da distribuire), ma il vero tema è la carenza di personale. Oggi la maggiore criticità è questa. Non facciamo grandi annunci se non siamo sicuri della fattibilità delle cose". E poi ha chiarito ancora una volta in merito all'ospedale da campo che la regione Lombardia non ha mai avuto intenzione di bloccare l'ospedale di Bergamo: "Anzi, lo riteniamo un appoggio importante per una città martoriata dal coronavirus". "Il Presidio medico avanzato sarà fatto, perché abbiamo avuto conferma dell'arrivo di medici dalla Cina, oltre a 53 infermieri e medici cubani che hanno combattuto l'ebola e sanno trattare le malattie infettive e andranno a supporto a Crema".

L'assessore Caparini: Acquistati 611 letti di terapia intensiva e 281 respiratori polmonari

L'assessore al Bilancio Davide Caparini ha chiesto a tutto di mantenere un comportamento corretto e rispettoso, proteggendo gli altri e se stessi e ha spiegato che sono stati acquistati 611 letti di terapia intensiva (per 2,5 mln di euro) e 281 respiratori polmonari, che andranno a integrare quelli che darà la Protezione civile. Acquistati 9441 caschi Cpap. Acquistate 57 mln di mascherine, già arrivate 4 mln.

1.077 CONDIVISIONI
31620 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni