Durante l'intervento quotidiano in collegamento con gli studi di "Agorà", in onda su Rai 3, l'assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera ha toccato diversi punti della resistenza all'emergenza Coronavirus che i lombardi stanno portando avanti. Tra questi, anche l'arrivo dei medici cubani a Crema, oltre alla pronta apertura di alcuni moduli del nuovo ospedale in Fiera Milano.

Gallera: Stiamo producendo le mascherine, ospedale in Fiera apre tra poco

"I medici cubani vanno a Crema nell'ospedale da campo appena creato – ha detto Gallera -. Oggi sono sul posto, domani la struttura sarà operativa. A Crema c'è una situazione difficilissima: il pronto soccorso accoglie dalle 80 alle 100 persone al giorno che hanno bisogno anche di respiratori". Il discorso dell'assessore alla Salute lombardo si sposta poi sulla produzione di mascherine da parte di aziende del territorio per poter soddisfare la domanda della popolazione: "Oggi non ci sono per tutti ma stanno arrivando e speriamo arrivino presto – ha detto Gallera -. Il Politecnico di Milano ha già fatto alcune verifiche sui prodotti di un paio di aziende con risultati soddisfacenti: la produzione prosegue e presto ci saranno altre aziende ad adoperarsi per crearne di nuove. Stiamo dando una risposta alla loro mancanza". Infine, una chiosa sulla realizzazione dell'ospedale in Fiera Milano, a cui sta lavorando, tra gli altri, l'ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso: "I lavori in Fiera proseguono. Abbiamo ordinato i macchinari e ora aspettiamo arrivino. Nei prossimi giorni apriamo i primi moduli – ha assicurato Gallera -. Ieri (domenica 22 marzo, ndr) abbiamo fatto un sopralluogo con il professor Presenti che coordinerà l'ospedale. Non ci saranno però solo posti in terapia intensiva, ma anche in subintensiva, perché i posti letto attuali continuano a riempirsi con una velocità spaventosa".

Questione tamponi: Fatti più di 70mila, 5mila al giorno

L'assessore Gallera si è poi collegato in diretta col programma "Mattino cinque" in onda su Canale 5 per affrontare la questione tamponi, da molti considerata come tema chiave anche per motivi di prevenzione: "Noi siamo la Regione che ha fatto il maggior numero di tamponi – ha detto Gallera -, ne abbiamo fatti 70.598 a ieri (domenica 22 marzo, ndr)". L'assessore alla Sanità lombarda ha poi spiegato che "sdesso stiamo, in maniera selettiva, ampliando. Abbiamo previsto che i medici di medicina generale facciano il tampone, e il personale sanitario che ha anche poche linee di febbre, chi ha 37.5. Stiamo valutando anche l'efficacia di questi test rapidi che a noi non risultano avere grande efficacia". Infine, incalzato sui cosiddetti "tamponi a tappeto", Gallera ha detto: "Abbiamo 22 laboratori attivati e facciamo 5 mila test al giorno. Io posso fare anche un milione di tamponi ma poi devo avere il tempo di processarli. Dobbiamo lavorare in modo efficace e selettivo".

tot. contagiati 105.792
31 marzo 2.107
tot. guariti 15.729
31 marzo 1.109
tot. deceduti 12.428
31 marzo 837