3.993 CONDIVISIONI
Coronavirus
25 Marzo 2020
12:32

Coronavirus, dramma di una famiglia a Trigolo: morti due fratelli, altri due sono in fin di vita

Quattro fratelli positivi al coronavirus nel piccolo comune di Trigolo, in provincia di Crema. È il dramma di una famiglia intorno alla quale si è stretta l’intera comunità dopo che ieri è giunta la notizia della morte di uno dei fratelli, il secondo dei quattro. Altri due sono ora ricoverati in ospedale in gravi condizioni.
A cura di Chiara Ammendola
3.993 CONDIVISIONI
(Archivio Lapresse)
(Archivio Lapresse)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Un dramma nel dramma per una famiglia di Trigolo, piccolo comune nel Cremasco, dove i casi di coronavirus sono giunti a 20. Tra questi ci sono anche quattro fratelli tutti contagiati: purtroppo per due di loro non c'è stato nulla da fare e sono morti, mentre altri due sono ricoverati in ospedale in condizioni piuttosto critiche. Il primo dei quattro fratelli è deceduto la scorsa settimana a 69 anni, il secondo invece di due anni più giovane è morto ieri, stroncato da una polmonite che non gli ha dato scampo. Ora l'intera comunità di Trigolo si è stretta intorno alla famiglia. Sempre ieri è deceduta anche una donna, e con lei sono salite a cinque le vittime trigolesi, a fronte di venti contagiati complessivi.

Coronavirus, la situazione a Cremona

Ad oggi nella provincia di Cremona sono  3,061 positivi i contagi da Coronavirus. Nella notte fra lunedì 23 e martedì 24 marzo, un anziano di 73 anni ricoverato presso l'ospedale Maggiore perché positivo si è suicidato. A finire contagiati sono anche gli stessi dipendenti ospedalieri. Un tecnico radiologo di 35 anni, risultato positivo, riporta che già da fine gennaio 2020 si sono registrate troppe polmoniti atipiche fra i giovani che venivano sottoposti a lastre. Risalendo ai contatti dell’uomo, non è chiaro chi possa averlo contagiato visto il numero di persone con le quali ha avuto a che fare. Mentre una ragazza 25enne di Cremona, che era risultata positiva al Coronavirus nei primi giorni di febbraio è guarita ed è stata dimessa dal Cotugno di Napoli, dove si trovava per una vacanza.

3.993 CONDIVISIONI
25915 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni