ambulanza_milano

Non si sa chi lo abbia lasciato lì in strada quel petardo fatto esplodere dal 17enne a Cornate d'Adda, nel Monzese, che gli ha causato la perdita di due dita e gravi ustioni al viso. Il ragazzo, uno studente di nazionalità marocchina, si trovava all'esterno della propria abitazione di via Madonna quando poco le 12 di martedì i genitori hanno udito un'esplosione provenire proprio da lì. Una volta accorsi sul posto, i due hanno trovato il figlio sanguinante a causa proprio di quel boato provocato da un ordigno. Un petardo che il 17enne avrebbe fatto incautamente esplodere dopo averlo raccolto, almeno stando a quanto ha raccontato in ospedale. Il ragazzo portato d'urgenza al San Gerardo di Monza ha infatti riportato l'amputazione di due dita e la perdita della falangetta di un terzo dito, mentre resta da verificare l'entità delle ustioni riportate al volto. Le sue condizioni restano delicate. Mentre i militari sono al lavoro per verificare quanto raccontato dal ragazzo vittima del terribile incidente.