Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Lutto nel mondo dello sport dopo la notizia della scomparsa di Gianluigi Patrini, ex calciatore morto questo pomeriggio in un incidente stradale a Castelleone, in provincia di Cremona: il 66enne stava viaggiando a bordo della sua auto quando è uscito fuori strada schiantandosi contro la recinzione di una villetta. L'allarme è scattato intorno alle 14 di oggi quando è stato chiesto l'intervento dei soccorritori lungo viale Santuario: sul posto sono accorsi i soccorritori del 118 insieme con gli agenti della polizia stradale e i vigili del fuoco. Purtroppo però Patrini non c'era ormai più nulla da fare: l'uomo è stato dichiarato morto dal personale medico.

Il saluto della squadra del Crema: Un giocatore di grande qualità

Secondo una prima ricostruzione al vaglio della polizia sembra che l'ex calciatore abbia improvvisamente perso il controllo della sua Lancia Y prima di finire contro la recinzione di una villetta, incastrandosi tra il muro di cinta e un albero. Non è escluso che possa essere stato colto da un malore prima di finire fuori strada. Nel pomeriggio è giunto il messaggio di cordoglio della sua ex squadra di calcio, l'AC Crema, dove ha militato gran parte della sua carriera nel ruolo di difensore: "Fratello del bomber nerobianco Walter Patrini, Gianluigi aveva militato in tutte le squadre giovanili del Crema fino ad approdare giovanissimo alla prima squadra che concluse il campionato di Serie D – si legge nel lungo post Facebook – subito dopo un'altra stagione con il Crema, poi ancora la D e l'ingaggio con il Pavia fino all'infortunio fatale al ginocchio prima della firma con il Monza che militava in B". Un giocatore di grande qualità che l'AC Crema 1908 vuole ricordare con affetto, stima e profondo rispetto per il valore umano e sportivo.