(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Staccava le targhe dalle auto di servizio dell'ospedale di Busto Arsizio e le utilizzava sulla sua auto. È quanto accaduto in provincia di Varese, dove un impiegato di 50 anni è stato denunciato dai carabinieri nella giornata di mercoledì 20 novembre. Nei mesi scorsi era già stata sporta una denuncia nei confronti di ignoti dalla dirigenza della struttura ospedaliera di Busto per ripetuti furti avvenuti all'interno del parcheggio dell'ospedale, in cui sostavano le automobili di servizio. Da quanto risulta l'uomo si sarebbe appropriato delle targhe per sentirsi libero di violare i limiti di velocità a bordo della sua vettura, così da evitare che gli fossero pervenute le multe per le ripetute infrazioni stradali da lui commesse.

L'uomo inchiodato dalla telecamere di sorveglianza

Il ladro di targhe agiva da diverso tempo seguendo uno schema ben preciso. Quando si spostava in città sulla sua automobile staccava le targhe rubate per rimontare quella originale, mentre al contrario utilizzava quelle rubate in autostrada per poter sforare i limiti di velocità consentiti a suo piacimento. I carabinieri di Busto Arsizio sono riusciti a incastrare l'uomo servendosi dei filmati girati dalla telecamere di sorveglianza, che lo hanno ripreso mentre era intento a compiere il furto di targhe ai danni della struttura ospedaliera. Il caso era scoppiato lo scorso agosto, quando erano cominciate ad arrivare diverse multe per eccesso di velocità presso gli uffici dell'ospedale, che aveva quindi optato per denunciare l'avvenimento. L'uomo dovrà adesso rispondere all'accusa di furto.