Gli ha prima spruzzato del liquido urticante sul viso, poi lo ha colpito con dei proiettili esplosi da una pistola ad aria compressa, e infine lo ha raggiunto sempre al viso con dei pugni. Un vero e proprio pestaggio quello avvenuto ieri mattina a Busto Arsizio, comune in provincia di Varese, dove un uomo è stato aggredito non è chiaro se da uno sconosciuto o meno mentre si trovava a bordo della propria auto: secondo una ricostruzione avanzata dalla polizia intervenuta poco dopo l'aggressione, la vittima, un 46enne della zona, si trovava in via Samarate quando un uomo ha aperto lo sportello della sua auto per scagliarsi contro di lui.

L'aggressore avrebbe perso il cappuccio durante la fuga

L'aggressore, col volto coperto da un cappuccio, lo ha così sorpreso prima con lo spray urticante, i cui effetti sono simili a quelli dello spray al peperoncino, che ha raggiunto il 46enne al viso, poi con alcuni proiettili di gomma anche questi rivolti verso il volto e infine con dei pugni. Un agguato terminato con la fuga dell'aggressore che si è velocemente dileguato tra i passanti. Poco dopo sono giunti i poliziotti e i soccorritori del 118, con un'ambulanza, che hanno prestato le prime cure all'uomo, prima di trasportarlo in ospedale: una volta giunta in nosocomio la vittima è stata medicata, stando a quanto trapelato avrebbe riportato svariate ecchimosi e sospette fratture al volto. Gli agenti si sono messi immediatamente sulle tracce dell'aggressore che è stato descritto accuratamente da alcuni testimoni che hanno assistito alla scena: non è chiaro se tra i due ci fossero dei pregressi e di che tipo. Anche in questo senso sono in corso le indagini della polizia.