Via libera da parte del Consiglio dei Ministri al conferimento della cittadinanza per meriti speciali a Ramy Shehata e Adam El Hamami, i due giovani studenti che sventarono a metà marzo il dirottamento dello scuolabus sul quale viaggiavano assieme i compagni di scuola. Nella relazione del ministro dell'Interno viene sottolineato che i due giovani "abbiano reso eminenti servizi al nostro Paese, per aver contribuito, con il proprio gesto di alto valore etico e civico, a sventare la tentata strage, posta in essere il 20 marzo 2019 ai danni di 51 ragazzi sullo scuolabus in marcia lungo la strada provinciale Paullese in San Donato Milanese".

Contestualmente, verrà consegnata anche una medaglia d'oro al valore civile alla scuola media "Giovanni Vailati", perché, prosegue la nota, "con straordinario coraggio ed eccezionale spirito di iniziativa il personale docente e non docente e i 51 studenti fronteggiavano il conducente dell'autobus, allertavano i Carabinieri e riuscivano a liberarsi. Splendido esempio di generosa solidarietà e straordinaria abnegazione, orientati alla difesa del piu' alto valore della vita umana".

Intanto, si aggrava la posizione di Ousseynou Sy, l'uomo responsabile della tentata strage: i carabinieri hanno infatti  recuperato un video che contiene il "proclama" di 37 minuti con cui l'autista di origini senegalesi invitava a combattere "i governi corrotti" e nel quale rivendicava il "panafricanesimo" per i popoli africani stessi. Il video non è stato reso pubblico dalle forze dell'ordine, ma per gli inquirenti Sy non apparterebbe a nessuna organizzazione, agendo da lupo solitario.