Una fondazione nel nome di Nadia Toffa, per fare rivivere l'amata conduttrice televisiva attraverso l'aiuto ai malati e alla ricerca, portando avanti le sue battaglie. L'iniziativa dei genitori e delle sorelle, che hanno creato una fondazione intitolata alla Iena, verrà presentata a Brescia martedì 3 dicembre a Palazzo Loggia.

Una fondazione per Nadia Toffa: aiuterà la ricerca e i malati

La Fondazione Nadia Toffa, "fortemente voluta dalla famiglia Toffa per dare un aiuto concreto ai soggetti che operano tutti i giorni per migliorare la salute e la vita delle persone più deboli e indifese, perseguendo i valori di solidarietà e ricerca della verità di cui Nadia è sempre stata simbolo e per i quali si è battuta in vita“ sarà presentata martedì 3 dicembre alle 12.30 in un evento riservato ai giornalisti e alle autorità alla presenza della famiglia e del sindaco di Brescia, Emilio Del Bono. Invitati anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala, il direttore dell’Oncologia dell’ospedale Besta Gaetano Finocchiaro, la presidente di Brescia Musei Francesca Bazoli e il direttore Stano Karadjov Fondazione.

La lotta contro la malattia, un esempio per tutti

La conduttrice e inviata de ‘Le Iene’, da tempo malata di cancro, è morta a 40 anni lo scorso 13 agosto. Nel 2017, a seguito di un grave malore, aveva scoperto di essere malata e da allora aveva affrontato il suo calvario con il sorriso diventando un esempio e un'ispirazione per tante persone in condizione di sofferenza. I proventi dell'ultimo libro di Nadia Toffa e le donazioni arrivate in sua memoria saranno devoluti all'Istituto neurologico Besta di Milano, alla ricerca sul tumore al cervello, a progetti nella Terra dei fuochi e al reparto ospedaliero a lei intitolato a Taranto.