Ospedale Civile di Brescia
in foto: Ospedale Civile di Brescia

E' in gravi condizioni all'Ospedale Civile di Brescia un bambino nato prematuramente lo scorso 4 dicembre: il piccolo si trova ricoverato in terapia intensiva che avrebbe contratto un batterio lo scorso 29 dicembre. Una vicenda però tutta da definire: il neonato era stato inizialmente colpito da un pneumotorace dal quale però era guarito; in seguito, però, le sue condizioni sono peggiorate probabilmente a causa di un infezione, su cui però si cerca di fare chiarezza.

E' ancora ignota, infatti, l'origine dell'infezione ed il tipo di batterio contratto. Nelle settimane precedenti, inoltre, vi erano stati due decessi considerati "sospetti", seppur non collegati tra loro. Si tratterebbe di due neonati, un maschio ed una femmina, che erano ricoverati nello stesso reparto del neonato attualmente in terapia intensiva, che sono successivamente deceduti. Qualche mese fa, invece, proprio il reparto di terapia intensiva neonatale era stato chiuso dopo il decesso di un bimbo causato da un'infezione da serratia marcescens, un particolare patogeno umano responsabile di infezioni ospedaliere, in particolare delle infezioni alle vie urinarie e delle infezioni dovute a lesioni della cute.