Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Ancora un caso di violenza contro una donna consumatosi tra le mura domestiche. A parlarne è oggi il Giornale di Brescia, che racconta un episodio avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì scorso a Montirone dove un uomo di 49 anni, impiegato come operaio, ha prima minacciato di morte la moglie con un machete poi ha scavalcato dal suo terrazzo in quello del vicino facendo irruzione in casa e devastando tutto quello che gli è capitato a tiro, mobili e oggetti. La rabbia dell'uomo sarebbe stata scatenata dal sospetto che la donna avesse una relazione proprio con il vicino di casa. La moglie è riuscita a scappare e a dare l'allarme, mentre il 49 si chiudeva in casa.

Arrestato dai carabinieri, non sarebbe il primo episodio di violenza

Sul posto sono giunti i carabinieri di San Zeno che, dopo aver tentato a lungo di calmare l'uomo chiuso in casa, infine sono riusciti a convincerlo a farli entrare. Assicuratisi che fosse disarmato, lo hanno portato in caserma e qui lo hanno arrestato. Dovrà rispondere di diversi reati tra cui minacce, danneggiamento e maltrattamenti in famiglia. Da quanto si apprende la moglie – 41 anni – da anni subirebbe le minacce e le violenze del marito, senza averlo però mai denunciato. La coppia ha due figli che non è noto se al momento dei fatti si trovassero o meno in casa.