È nato tra i primi fiocchi di neve della stagione, in un gelido venerdì, il piccolo venuto alla luce a Brembilla, in provincia di Bergamo, questa mattina poco dopo le 7. La mamma, allarmata dalle prime contrazioni, si è subito messa in viaggio in direzione dell'ospedale in compagnia del marito, i due però una volta saliti in auto hanno capito che il tempo forse non sarebbe bastato, le contrazioni infatti si sono fatte più forti e più frequenti. L'uomo allora, probabilmente anche allarmato dalla neve e dalle strade gelate, ha fermato l'auto nei pressi di Brembilla, proprio accanto alla chiesa parrocchiale: qui ha chiamato i soccorsi che sono giunti in pochissimo tempo sul posto.

Il marito ha aiutato la futura mamma a partorire con l'aiuto dei paramedici

Il personale sanitario si è messo in moto con due mezzi: un'auto medica da San Giovanni Bianco e un'ambulanza della Padana emergenza onlus. Nel frattempo il futuro papà ha seguito telefonicamente tutte le indicazioni del caso per assistere la moglie in travaglio: una volta giunti i paramedici sul posto hanno assistito la donna affinché partorisse in sicurezza e tranquillità come è avvenuto. Il piccolo è nato così tra la prima neve di febbraio: sta bene e si chiama Agostino. Madre e figlio sono stati accompagnati all’ospedale Papa Giovanni per i controlli di rito. Una piccola avventura per il piccolo che ha potuto vivere ancor prima di venire alla luce.