Un altro caso di aggressione in zona Navigli, nel cuore della movida milanese. Due ragazzi sono stati accerchiati e picchiati da un gruppo di almeno cinque persone, che li hanno anche rapinati prima di darsi alla fuga. E' accaduto all'1.40 della notte tra venerdì 24 e sabato 25 maggio. Stando a quanto emerso finora, i due ragazzi, entrambi di venticinque anni, sarebbero stati presi di mira dal gruppo, formato da almeno cinque persone, che li hanno accerchiati, aggrediti e, dopo averli picchiati, derubati di tutto.

Magro il bottino: appena dodici euro in contanti ed un cellulare. Ben più gravi le conseguenze riportate a livello fisico e mentale dai due ragazzi, che sono apparsi visibilmente spaventati per l'accaduto. Dopo essere stati medicati sul posto, tuttavia, hanno deciso di rifiutare il ricovero in ospedale: i due venticinquenni hanno invece denunciato alla polizia gli aggressori, fornendo anche un'accurata descrizione di alcuni di essi. Le indagini proseguono per identificarli, ma al momento si presume che non siano gli stessi che avevano rapinato la notte prima due uomini di 35 e 36 anni, in modalità simili. L'episodio era accaduto in Porta Ticinese: anche in questo caso, il bottino era stato minimo, ovvero un cellulare Xiaomi S2 il cui valore di mercato, se si considera ovviamente un prodotto nuovo ed imballato in un negozio, non supera i 120-130 euro. Anche i due ragazzi hanno parlato di un branco di cinque-sei giovani italiani, attorno ai venticinque anni d'età. Ma le descrizioni dei due gruppi di rapinatori non coinciderebbero e si tratterebbero, dunque, di episodi diversi.