Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Sarebbe stato il prezzo del vino ritenuto troppo caro da alcuni commensali a far scoppiare la maxi rissa terminata con due persone ferite trasportate in ospedale: è accaduto nel Pavese, a Borgo Priolo, nell'Oltrepò, all'interno di un agriturismo dove una comitiva di dieci persone si era recata per consumare una cena. Al momento però del pagamento quando è stato consegnato loro il conto qualcuno ha storto il naso alla vista del prezzo del vino: la cosa è stata evidentemente oggetto di lamentele da parte della comitiva che si è rivolta ai titolari per chiedere spiegazioni.

Ad avere la peggio la madre del titolare

Dalle parole si è però passati, forse complice proprio qualche bicchiere di troppo, alle mani e così è scoppiata una maxi rissa nella quale ad avere la peggio sono stati una donna di 72 anni, madre del titolare dell'agriturismo, e un poliziotto che si trovava lì per caso. La prima è stata trasportata in ospedale dai soccorritori del 118 giunti sul posto poco dopo, visitata è stata dimessa con una prognosi di 30 giorni, mentre il poliziotto intervenuto per placare gli animi è stato raggiunto da un pugno e per questo ha ricevuto una prognosi di cinque giorni.

Gli autori della rissa si sono dati alla fuga: indagano i carabinieri

Nell'agriturismo sono accorsi anche i carabinieri di Montalto Pavese che ora dovranno fare gli accertamenti del caso e chiarire cosa sia accaduto, in questo senso saranno fondamentali le immagini delle telecamere di sorveglianza presenti all'interno del parcheggio della struttura che potrebbero aver ripreso le targhe delle auto i cui proprietari hanno preso parte alla rissa. Al loro arrivo infatti i carabinieri hanno trovato solo i feriti mentre i commensali che hanno dato il via alle schermaglie si erano già dileguati e per questo potrebbero essere identificati presto.