Una donna di 26 anni è stata ritrovata senza vita all'interno di una villetta a Borgarello, in provincia di Pavia, sita in via Leonardo da Vinci, 10. La vittima, di origini cubane, secondo una prima ipotesi avanzata dagli investigatori sarebbe stata strangolata: un omicidio dunque, avvenuto non molte ore fa. A dare l'allarme sarebbe stato un parente della donna allarmato dal fatto che quest'ultima non rispondesse al telefono da diverso tempo, e così, non avendo più sue notizie, si sarebbe recato proprio in via Leonardo da Vinci. Qui, una volta entrato nella villetta dove la vittima lavorava come colf, avrebbe trovato il cadavere della 26enne. Per lei non c'era ormai più nulla da fare.

Il proprietario della villa ritrovato morto in un campo

Sul posto sono giunti immediatamente personale medico e forze dell'ordine che hanno transennato la zona e dato il via ai rilievi del caso utili ad acquisire informazioni sulla dinamica dell'omicidio: sono stati i carabinieri a ritrovare poco distante dalla villetta il corpo senza vita del 48enne proprietario di casa e datore di lavoro della giovane vittima. Il cadavere dell'uomo era in un campo abbandonato poco fuori il paese: secondo i primi accertamenti sarebbe stato ucciso da un colpo di pistola alla testa. Gli investigatori ipotizzano dunque che possa essersi trattato di un omicidio-suicidio il cui movente non sembra però ancora chiaro. I carabinieri avrebbero inoltre già ascoltati alcuni testimoni e residenti della zona che hanno riferito di aver visto uno scooter allontanarsi dalla villa poco tempo prima.