Fuorisalone 2019: esposizioni ai Magazzini Raccordati di via Ferrante Aporti
in foto: Fuorisalone 2019: esposizioni ai Magazzini Raccordati di via Ferrante Aporti

Numeri da record per la 58esima edizione del Salone del Mobile conclusasi ieri domenica 14 aprile: sono state ben 386.236 le presenze all'interno della fiera di Rho per visitare le esposizione dedicate al design. Cifre che fanno registrare un aumento del 12% rispetto al 2017. I visitatori sono giunti da ben 180 Paesi del mondo. Ma non è solo l'esposizione in fiera ad aver accolto centinaia di migliaia di visitatori: anche il Fuorisalone tra eventi e installazioni ha accolto migliaia di persone: sul podio dei distretti del design c'è Brera con le sue 250mila persone che hanno visitato esposizioni e installazioni nella zona. Al secondo posto invece tra i luoghi più amati del Fuorisalone c'è l'università Statale con 200mila visitatori, 60mila hanno visitato l’Orto Botanico e 40mila l’Arco della Pace.

Nel distretto di Tortona 90mila persone, 68mila nel distretto Ventura

Il maltempo e le lunghe code non hanno dunque scoraggiato appassionati, curiosi e visitatori. Quest'anno poi ci sono state tante novità tra le quali anche l'introduzione di un biglietto a pagamento per l'ingresso in alcuni luoghi: un modo per gestire meglio il flusso di persone in entrata. In particolare a Base e Ventura Future i visitatori hanno pagato un biglietto da 5 euro, valido per tutta la settimana per gli appuntamenti all'ex Ansaldo: in totale sono stati 26mila i  biglietti venduti mentre 90mila le persone che hanno raggiunto il distretto di Tortona in 6 giorni. Nell'altro distretto Ventura invece che ha accolto i marchi noti e non i giovani designer, quello di via Ferrante Aporti sono giunte 68mila persone. Numeri in continua crescita, così come i disagi che spesso ne conseguono: per questo gli organizzatori del Fuorisalone stanno già lavorando a un piano che possa organizzare al meglio l’affluenza del pubblico. A Brera, per esempio, si valuta di introdurre fasce orarie o giornate riservate a chi si prenota online. Non resta che attendere il prossimo anno.