A novembre gli amanti dei libri che vivono a Milano hanno un motivo in più per amare la propria città. Torna la manifestazione Bookcity, appuntamento dedicato al mondo dell'editoria libraria che ogni anno racchiude il meglio della letteratura contemporanea coinvolgendo l'intera filiera del settore: dagli editori ai librai, passando per gli autori, i grafici, gli illustratori, e molti altri professionisti che operano in questo mercato. Nel corso della nona edizione di Bookcity, che si svolgerà dal 13 al 17 novembre, sarà dedicata un attenzione particolare a due temi: la Brexit e il continente africano. In particolare quest'ultimo sarà affrontato attraverso numerosi focus tematici ideati per l'occasione.

I luoghi e i protagonisti della manifestazione

Bookcity è un evento in grado di coinvolgere non soltanto gli addetti ai lavori e gli appassionati, ma anche una larga parte della popolazione, senza concentrarsi solo nelle zone centrali della città ma spostandosi anche verso le periferie. Secondo le stime, alla manifestazione parteciperanno oltre 1400 classi delle scuole milanesi, che avranno la possibilità di seguire le varie iniziative dirottate su più di 250 sedi. Il cuore di Bookcity resterà anche per quest'anno il Castello Sforzesco, con appuntamenti sparsi per la città in teatri, musei, università, palazzi storici, librerie e addirittura carceri  e ospedali. Saranno oltre tremila gli autori che prenderanno parola nei circa 1500 eventi gratuiti in programma. Oltre al centro, che come al solito ospiterà numerosi panel e dibattiti, ci sono tre distretti milanesi che faranno da sfondo alle giornate di Bookcity: Corvetto-Chiaravalle, NoLo (North of Loreto, zona a nord di Loreto) e GiaLo (Giambellino- Lorenteggio).

I grandi ospiti di Bookcity

Come per ogni edizione, anche nel 2019 non mancherà la grande anteprima di Bookcity. Quest'anno l'ospite d'eccezione sarà lo scrittore spagnolo Fernando Aramburu, che in compagnia di Paolo Giordano, Michela Marzano e Simone Savogin, racconterà al pubblico come è nata l'idea e la successiva stesura di "Patria", il romanzo vincitore del Premio Strega Europeo 2018. Oltre all'autore basco saranno presenti anche altre grandi penne contemporanee, come i due premi Nobel Wole Soyinka, che parteciperà a uno degli incontri dedicati al tema Africa, e Svjatlana Aleksievič, presente in occasione dell'undicesima conferenza mondiale Science for Peace. Lee Child, Ken Follett, Kate Mosse e Jojo Moyes, in qualità di scrittori britannici animeranno il dibattito sulla Brexit, mentre  Chimamanda Ngozi Adichie riceverà il Premio speciale Afriche. Tanti, come sempre, gli intellettuali italiani coinvolti: giornalisti, critici, scrittori, artisti e professori.

I promotori e il gemellaggio con Barcellona

La manifestazione Bookcity Milano è promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall’associazione Bookcity Milano, formata da diverse fondazioni e sostenuta da importanti partner commerciali. Dopo il gemellaggio dello scorso anno con la città di Dublino, quest'anno sarà il turno di Barcellona. Alla città catalana, grazie al percorso Milano Unesco Creative City per la Letteratura, sarà dedicato un particolare interesse, con diversi autori invitati a partecipare all'appuntamento milanese. Le librerie della città saranno protagoniste, con una serie di eventi in programma per l'8 e il 10 novembre che anticiperanno l'inizio ufficiale di Bookcity 2019.