(Archivio: Getty images)
in foto: (Archivio: Getty images)

Una donna di 55 anni, addetta alle pulizie in un ufficio situato in via Madonna della Neve a Bergamo, è rimasta chiusa in bagno per un giorno intero prima di essere liberata dal provvidenziale intervento dei vigili del fuoco. L'increscioso episodio ha avuto inizio intorno alle 16 di sabato 7 settembre, quando la 55enne si è ritrovata bloccata in seguito a un guasto della serratura del bagno. Dopo 24 ore di panico, nel pomeriggio di domenica 8 settembre la donna è stata tratta in salvo grazie al lavoro dei soccorritori.

Intrappolata nel bagno dell'ufficio per una serratura rotta

Secondo quanto emerge dalle prime ricostruzioni, la donna sarebbe rimasta bloccata nel bagno dello stabile di via Madonna della Neve a causa di una serratura rotta. L'addetta alle pulizie, dopo essere entrata nella toilette, ha chiuso a chiave la porta alle sue spalle senza poter nemmeno immaginare quello che sarebbe accaduto. La 55enne è rimasta isolata per un giorno intero: era infatti sprovvista di telefono cellulare per segnalare la sua emergenza e ha dovuto attendere l'arrivo dei soccorsi prima di guadagnare la libertà. È stata la madre della donna, insospettita dalla sua assenza improvvisa da casa, ad attivare la rete dei soccorsi. I carabinieri di Bergamo, insieme ai vigili del fuoco, alla Croce Bianca di Bergamo e all’automedica di Seriate, hanno preso in mano la situazione individuando e liberando la donna dopo 24 ore di isolamento: nell'ufficio, essendo sabato, non c'era nessuno che potesse ascoltare la sua richiesta d'aiuto.