Tragico incidente nella serata di oggi, martedì 19 maggio, a Boltiere, paese in provincia di Bergamo, dove un bambino di 10 anni è rimasto schiacciato dall'ingranaggio di chiusura di un cassonetto di abiti usati. Secondo quanto ricostruito, il piccolo era da solo quando ha deciso di arrampicarsi per entrare all'interno del contenitore metallico. Ad accorgersi dell'incidente sarebbe stata una donna che passava da via Monte Grappa, luogo dell'accaduto. Allertata, l'Azienda regionale emergenza urgenza ha inviato sul posto due ambulanze e un'automedica in codice rosso, raggiunte poi dai vigili del fuoco di Dalmine che hanno aiutato i soccorritori ad estrarre il piccolo dopo aver smontato il cassonetto. Allertati anche i carabinieri di Treviglio che starebbero effettuando tutti i rilievi del caso. Il bimbo è stato portato d'urgenza in ospedale dove si trova tuttora. Le sue condizioni sarebbero gravissime.

Tragedia sfiorata in uno stabilimento tessile

Un incidente simile, ma sul posto di lavoro, è occorso ad un operaio di 43 anni il cui braccio è rimasto incastrato in un macchinario in funzione nello stabilimento della Tessuti Sondrio, del gruppo Marzotto, nella mattinata di ieri, lunedì 18 maggio. Secondo quanto ricostruito, l'uomo è stato salvato dal pronto intervento dei colleghi che sono riusciti a fermare la macchina ed evitare il peggio: sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118 e le forze dell'ordine. Ferito, l'operaio è stato immediatamente soccorso e trasportato in ospedale a Sondrio dove è giunto in codice giallo. Le sue condizioni apparse inizialmente piuttosto critiche si sono rivelate meno gravi del previsto.