Incredibile epilogo quello di una rapina alle Poste avvenuta nel bergamasco. L'autore, un uomo di 68 anni, è stato arrestato quest'oggi a casa sua dai carabinieri, dopo quasi un mese d'indagini, ma ai militari oltre a non opporre resistenza ammettendo anzi le proprie responsabilità, ha consegnato un "manoscritto", nel quale aveva praticamente raccontato nei minimi dettagli lo svolgimento della rapina stessa.

Il fatto era avvenuto lo scorso 13 dicewbre, a Ponteranica, alle porte di Bergamo. L'uomo si presentò nel locale ufficio postale con una pistola a canna lunga, minacciando il direttore per farsi aprire la cassaforte, rubando poi 650 euro. Oggi l'arresto del rapinatore, Vincenzo Santisi, bergamasco di Torre Boldone e già noto alle forze dell'ordine per reati simili. Fondamentali le immagini della videosorveglianza, che hanno permesso agli inquirenti di incastrarlo: il gip di Bergamo ha infatti emesso quest'oggi un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, subito eseguita dai carabinieri di Villa d'Almé, i quali tuttavia non si aspettavano di certo un "epilogo" del genere, con tanto di manoscritto.