Un odore acre e molto forte ha reso irrespirabile l'aria in molti quartieri a sud di Milano. Decine di segnalazioni da parte di cittadini preoccupati sono arrivate ai vigili del fuoco e Arpa, che hanno immediatamente avviato i controlli. Al momento si esclude che la causa del cattivo odore sia una fuga di gas o incendi in atto. "Abbiamo quattro squadre sul posto, l'odore fuoriesce dalle fogne e ne stiamo verificando l'origine", hanno spiegato i vigili del fuoco a Fanpage.it. Molte le chiamate anche al centralino dell'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente.

Milano, area irrespirabile e cattivo odore nella zona di via Ripamonti

Le segnalazioni nella mattinata di oggi, giovedì 17 ottobre, sono arrivate a partire dalle 8 soprattutto dalla zona di via Ripamonti. Quattro squadre dei vigili del fuoco sono in azione nell'area tra via Campazzino e via Cascina Belcasule. La puzza è stata avvertita anche in zone più centrali. Molti gli utenti che hanno scritto sui social network per chiedere informazioni. " Anche a Milano sud c'è un odore nell'aria indescrivibile. Potete darci qualche info?", "Qualcuno sa cosa sia successo in zona via Ripamonti a Milano? Il cattivo odore mi sta uccidendo" e "Qualcuno sa da cosa è scatenato l'odore solforoso di fogna?", sono solo alcuni dei tweet pubblicati in mattinata. Al momento comunque non è stato diramato alcun allarme.

Analisi Arpa: escluse criticità ambientali

Sul posto sono intervenuti i tecnici di Arpa che hanno effettuato misure speditive con strumenti da campo. Secondo quanto comunicato non sono emerse particolari criticità: non sono infatti rilevati nell'aria i cosiddetti composti organici volatili come Ammoniaca, Idrocarburi, CO e Idrogeno solforato. Inoltre i vigili del fuoco hanno preso contatti sia con la società Unareti, gestore della distribuzione del gas, sia con MM, che hanno escluso la presenza di eventi critici per le proprie reti di competenza. Ulteriori approfondimenti verranno eseguiti anche nella giornata di domani

Un anno fa l'incendio di via Chiasserini a Quarto Oggiaro

L'aria irrespirabile ha riportato alla mente le giornate vissute da Milano esattamente un anno fa, dopo il grave incendio divampato in un deposito di rifiuti in via Chiasserini, zona Quarto Oggiaro. All'epoca un forte odore di plastica bruciata continuò a essere avvertito per giorni, costringendo i residenti di gran parte del capoluogo lombardo a restare chiusi in casa con le finestre serrate.