Scatta dalle 7.30 di oggi, martedì 1 ottobre, la seconda fase di Area B Milano, la Zona a traffico limitata più grande d’Italia che riguarda circa il 72 per cento dell’intero territorio comunale e il 97 per cento della popolazione residente. All'interno di Area B sarà vietata la circolazione dei veicoli diesel Euro 4. Il divieto attivo da questa mattina, stando alle cifre fornite dal Comune sulla base delle immatricolazioni Aci, interessa circa 26.300 veicoli diesel Euro 4 senza Fap immatricolati per trasporto persone nel territorio del Comune di Milano e circa 74.300 veicoli immatricolati nella Città metropolitana. Area B è attiva dal lunedì al venerdì, dalle ore 7.30 alle ore 19.30. Non è attiva durante i giorni festivi. Il provvedimento anti inquinamento è scattato nella prima fase lo scorso 25 febbraio: finora i divieti hanno riguardato i veicoli benzina Euro 0 e diesel Euro 0, 1, 2, 3 e le moto a due tempi Euro 0 e 1. Nei prossimi anni i divieti di circolazione si estenderanno ad altre tipologia di vetture, fino ad arrivare entro il 2030 alla completa messa al bando dei veicoli diesel a Milano.

I veicoli che non possono circolare da oggi a Milano

Queste, nel dettaglio, sono le classi di veicoli che non potranno circolare a Milano dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30, a partire da oggi, martedì 1 ottobre 2019:

  • Euro 4 diesel senza Fap;
  • Euro 3, 4 diesel con Fap di serie e con campo V.5 della carta di circolazione superiore a 0,0045 g/km;
  • Euro 4 diesel con Fap di serie e senza valore nel campo V.5 della carta circolazione (in assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo);
  • Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con Fap after-market installato dopo il 31 dicembre del 2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4.

Esclusi per ora i veicoli commerciali

Dallo stop per i veicoli alimentati a gasolio e omologati Euro 4 sono al momento esclusi quelli immatricolati merci, ossia i veicoli commerciali: per queste categorie il divieto scatterà l'1 ottobre 2020. Per quanto riguarda i venditori ambulanti, invece, Palazzo Marino ha attivato un sistema di scatola nera. Al momento sono 267 quelle attivate su altrettanti veicoli, che consentono di monitorare i chilometri percorsi all'interno di Area B (Gli ambulanti possono percorrere un numero massimo di chilometri ogni anno): l’89 per cento dei veicoli su cui è installata la scatola nera ha percorso al massimo 4 chilometri al giorno all'interno della Ztl.