Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Un escursionista è stato trovato morto questo pomeriggio in alta Valcamonica da alcuni turisti che avevano organizzato una gita nei pressi del lago Seroti: i due hanno immediatamente lanciato l'allarme ma purtroppo per l'uomo non c'era orami nulla da fare.

Il cadavere ritrovato a oltre 2mila metri di altezza

Il drammatico rinvenimento è avvenuto in Valcamonica nel pomeriggio di martedì 7 luglio nei pressi del lago Seroti inferiore, uno dei laghetti montani che sorgono sopra i 2.000 metri in territorio di Vezza d'Oglio. I due escursionisti, due turisti usciti per una passeggiata in alta quota, hanno scoperto il cadavere dell'uomo poco dopo e hanno richiesto l'intervento del Soccorso alpino e del 118. Sul posto è giunta poco dopo un'eliambulanza con personale medico a bordo che però non ha potuto fare altro che constatare il decesso dell'uomo le cui generalità non sono ancora state rese note.

L'escursionista forse vittima di un malore

La salma è stata recuperata e portata a valle dove c'era anche i carabinieri della compagnia di Breno che hanno ascoltato i due turisti e ora dovranno chiarire l'accaduto: secondo una prima ipotesi è probabile che la vittima sia uscita da sola per una escursione e che abbia poi accusato un malore che ne ha portato la morte, escluso che possa essere rimasta vittima di una caduta o un incidente in montagna.