839 CONDIVISIONI
Coronavirus
3 Aprile 2020
10:54

Secondo uno studio a Bergamo i morti ufficiali di Covid-19 sono solo il 26,6% del numero reale

Tre ricercatori dell’Univesità di Bergamo hanno messo a punto un’analisi per tentare di risalire al numero esatto di vittime da coronavirus nella provincia lombarda tra le più colpite dalla pandemia: prendendo in esame i dati Istat, il tasso di mortalità del paese e anche i fattori contingenti come la mancanza di test ai non ospedalizzati si giunge alla conclusione che i dati ufficiali sui decessi Covid-19 potrebbero rappresentare solo il 26,6 per cento dei decessi reali.
A cura di Chiara Ammendola
839 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Che i decessi da coronavirus nella provincia di Bergamo potrebbero essere molti di più della cifra ufficiale è notizia di questi giorni: la questione dei casi sommersi denunciati dai medici di base, dei decessi nelle Rsa o in casa o in ospedale senza tampone potrebbe portare a un numero maggiore di vittime. A segnalarlo è uno studio effettuato da Paolo Buonanno, Sergio Galletta e Marcello Puca dell'Università di Bergamo, che hanno fatto un'analisi combinando statistiche ufficiali e dati originali (es. necrologi e avvisi di morte) per tentare di fornire una stima provvisoria del numero "reale" di decessi causati da COVID-19, nonché il numero totale di persone contagiate nella provincia di Bergamo: il risultato è che il tasso di mortalità ufficialmente attribuibile a COVID-19 rappresenta solo il 26,6% del tasso di mortalità effettivo.

Secondo quanto si evince dallo studio infatti i decessi registrati nella provincia di Bergamo sono passati da 3.504 nel marzo 2019 a 8.560 nel marzo 2020: al 21 marzo 2020, tuttavia, solo 1.866 decessi sono stati riconosciuti come morti COVID-19. La differenza tra i decessi ufficiali COVID-19 e il numero reale di morti registrati nello stesso periodo può trovare una spiegazione innanzitutto nell'età avanzata delle vittime dove si sono registrati i numeri più alti spesso a causa di patologie pregresse, poi nel fatto che molti pazienti infetti possono morire a casa senza avere la possibilità di essere ricoverati in ospedale e quindi essere sottoposti a test, infine c'è da considerare il fatto che i tamponi che i laboratori possono processare sono limitati nel numero falsando di fatto il numero esatto dei pazienti Covid-19 non tutti sottoposti a test.

Impossibile ipotizzare un numero preciso di decessi per coronavirus

Nei dati analizzati dai tre ricercatori se si prendono in considerazione i necrologi e annunci funebri pubblicati sui quotidiani i numeri riportano 2.896 decessi dal 1° marzo al 31 marzo 2020, mentre sono 1286 quelli dal 1° marzo al 21 marzo 2020. Nel marzo 2019 il numero di decessi totali registrati nell'intera provincia è stato di 886, dunque meno di un terzo dei morti segnalati nello stesso periodo di quest'anno nei necrologi: con un'età media di 80,9 anni e il 59,8% dei decessi rappresentato da uomini. Si tratta di dati che vanno integrati nell'ambito di un quadro generale che comprende l'analisi dei dati Istat sulla mortalità dal 1 al 21 marzo che rappresentano quasi il doppio di quelli comunicati dai necrologi. Al termine dell'analisi è impossibile ipotizzare un numero preciso di decessi per coronavirus nella provincia di Bergamo a causa proprio della mancanza di tantissimi dati (tra questi quelli che riguardano i pazienti asintomatici ma positivi che non sono mai stati sottoposti a tampone) ma incrociando quelli ufficiali insieme con statistiche ufficiali, dati retrospettivi e dati originali si può ipotizzare che "il tasso di mortalità riportato attribuibile a COVID-19 rappresenta solo il 26,6% del tasso di mortalità osservato".

839 CONDIVISIONI
25949 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni