La passione per il gioco del lotto gli ha fatto perdere la testa. Finendo col fargli rubare i soldi ai suoi clienti. Per questo motivo un uomo, impiegato di banca residente a Gallarate, in provincia di Varese, è stato denunciato dalla guardia di finanza con l'accusa di truffa e appropriazione indebita. Il bancario da qualche tempo aveva sviluppato una vera e propria ossessione per il lotto. Aveva deciso di puntare ripetutamente sul 53, uno dei numeri che non vengono estratti da più tempo. Per puntare sul ritardatario storico, però, il dipendente di banca non utilizzava solo i soldi suoi: nell'ultimo periodo, come ricostruito dalle indagini dei finanzieri coordinati dal pubblico ministero Nadia Calcaterra, aveva prelevato illecitamente circa 400mila dai conti correnti dei clienti più facoltosi del suo istituto di credito.

In questa maniera forse il bancario credeva che gli ammanchi non sarebbero stati scoperti. Così però non è stato. Un cliente, notando prelievi di grosse somme dal proprio conto, ha dato il via alle indagini, segnalando il tutto alle Fiamme gialle. Dopo alcuni accertamenti il responsabile è stato individuato e denunciato: "Non so darmi spiegazioni, scusatemi, ho perso la testa", sono le parole che l'uomo ha proferito davanti ai finanzieri.