Lutto nel mondo della musica. È morto questa mattina a Mantova il maestro Stefano Gueresi. Il musicista e compositore aveva 57 anni: era ricoverato nel reparto di Terapia intensiva dell'ospedale Carlo Poma per problemi cardiaci. Nato a Mantova il 21 aprile 1960, aveva conseguito la maturità classica e aveva compiuto studi pianistici con la concertista Elisabeth Muller Vivanti e studi di composizione con John Paynter.

Nella sua lunga carriera ha collaborato con diversi musicisti e fatto parte di svariati gruppi, esibendosi in molti teatri in Italia e anche all'estero: un'apparizione a San Pietroburgo gli era valsa un discreto successo anche presso il pubblico russo. Da compositore è stato autore di colonne sonore e di molti brani per il teatro, il balletto e la televisione. La sua musica, come si legge sulla sua biografia ufficiale, era "evocativa di luoghi e tempi lontani e fantastici" e affondava le sue radici sia nella tradizione classica, sia nel pop romantico-sinfonico degli anni Settanta.

Nel 2014 gli avevano diagnosticato pochi mesi di vita.

Dal 2003 era stato designato come rappresentante del Comune nel Consiglio di amministrazione del Conservatorio "Lucio Campiani" di Mantova. Nel 2014, dopo che era stato colpito da una grave malattia, si era sottoposto a un intervento chirurgico. Per i medici aveva pochi mesi di vita: lui esattamente un anno dopo l'intervento si era invece esibito in un concerto, a testimoniare la forza ritrovata dopo la malattia. Ai medici dello Ieo che l'avevano curato avere dedicato il concerto, "I giorni impossibili". Gueresi si era esibito l'ultima volta due settimane fa. Da alcuni giorni era stato ricoverato al Poma a causa di alcuni problemi cardiaci, che si sono aggravati portandolo al decesso. Tutta la città di Mantova e il mondo della musica si stringono nel cordoglio per la sua scomparsa.