Una delle truffe più odiose, quella ai danni delle persone anziane, è stata sventata negli scorsi giorni da una donna di 85 anni, residente a Milano. L'anziana, che abita in via Sordello (all'estrema periferia est della città, vicino al quartiere Ponte Lambro), ha ricevuto una telefonata strana che l'ha insospettita. Un ragazzo, che si è spacciato per il suo nipote sedicenne, le ha detto di aver fatto un incidente e di aver bisogno di soldi. Il finto parente ha spiegato all'anziana di aver investito una donna incinta, e di aver bisogno di una somma ingente, novemila euro, per evitare l'arresto.

L'anziana non è caduta nella trappola e ha chiamato la polizia.

Si tratta di una truffa purtroppo molto diffusa, e che spesso va a segno: i malintenzionati sfruttano infatti l'affetto che le persone anziane nutrono per i propri cari (figli o nipoti) e lo stato di agitazione che una telefonata del genere crea nelle persone, che spesso non permette di analizzare con lucidità la situazione. Fortunatamente non è stato questo il caso: l'85enne si è subito insospettita e ha chiuso la telefonata. Poi ha richiamato il suo vero nipote, per sincerarsi che stesse bene. Avute le necessarie rassicurazioni, l'85enne ha avvertito la polizia, spiegando di essere rimasta vittima di una tentata truffa. Il truffatore è rimasto a bocca asciutta: il timore è che possa presto riprovarci con qualche altra vittima, mentre la speranza è quella che le indagini della polizia possano condurre all'autore del tentato raggiro.