Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Una lite banale, come purtroppo spesso accade tra vicini di casa, questa volta è finita in tragedia, con un uomo in ospedale ferito da colpi d'arma da fuoco e un secondo in carcere con l'accusa di tentato omicidio. Teatro della vicenda il comune di Travedona Monate, in provincia di Varese dove i due uomini vivono, un 64enne e un 67enne che ieri avrebbe iniziato una violenta lite a causa di un parcheggio: i due sarebbero infatti vicini di casa entrambi residenti in un cortile. Purtroppo però dalle parole sono passati velocemente ai fatti quando il 67enne ha estratto una pistola, una automatica di piccolo calibro e ha iniziato a sparare in direzione del vicino.

Diversi gli spari uditi dai testimoni, uno avrebbe raggiunto il lunotto dell'auto della vittima, ferma all'angolo tra via Colombo e via Brugnoni dove si sono verificati i fatti, un altro invece o forse due, non è ancora chiaro, ha raggiunto la vittima al braccio e al fianco. L'uomo è stato immediatamente soccorso dal personale medico giunto sul posto con due ambulanze e trasportato in codice giallo all'ospedale Circolo di Varese, le sue condizioni sarebbero stabili e le ferite riportate per fortuna guaribili. Il 67enne che ha impugnato la pistola e ha sparato è stato invece arrestato da un comandante di stazione fuori servizio, che si è trovato sul posto e ha colto l'uomo nell’immediatezza dei fatti e lo ha tratto in arresto: l'accusa per lui è di tentato omicidio. Sul posto sono giunti anche i militari del nucleo investigazioni scientifiche per i rilievi del caso.