Poteva essere una giornata di pesanti disagi per i pendolari lombardi: lo è stata probabilmente anche in misura maggiore rispetto alle attese. Prima pesanti ritardi a causa di un guasto, poi il 100 per cento dei treni soppressi: sono gli effetti dello sciopero di otto ore indetto oggi, 21 marzo, dal sindacato Orsa, il più rappresentativo all'interno di Trenord (vi aderisce il 37 per cento circa del personale). L'agitazione dura dalle 9 alle 17 e non avrebbe dovuto intaccare in teoria le fasce di garanzia: ma, come documentato da molti pendolari sui social network, almeno durante la mattinata non sembra essere andata così. Molti convogli, anche partiti prima delle 9, hanno accumulato pesanti ritardi. In questo caso però i problemi non sono dipesi direttamente dallo sciopero, quanto da guasti (ad esempio alla stazione di Brescia) che hanno portato anche alla cancellazione di treni, come ad esempio il 4903 da Bergamo a Brescia delle 6.22. In alcuni casi i ritardi hanno superato i 60 minuti: è accaduto al treno Saronno-Milano che doveva arrivare nel capoluogo lombardo alle 8.06 e alle 9 non era ancora arrivato. Ritardi e cancellazioni sono segnalati su molte altre direttrici, come si evince dalla pagina Trenord che informa sulla circolazione in tempo reale e dai tweet (con foto) di molti pendolari su Twitter.

Cancellata la totalità dei treni

Lo sciopero ha avuto un'adesione massiccia, pari secondo il sindacato Orsa all'80-90 per cento dei lavoratori: ma le ripercussioni sono state tali che il 100 per cento dei treni si è fermato: "L'azienda (Trenord, ndr) non vuole mettere in circolazione treni che poi rischiano di essere abbandonati in qualche stazione creando problemi alla ripresa del servizio", ha spiegato il segretario dell'Orsa Adriano Coscia: "Era uno sciopero che si poteva evitare – ha aggiunto Coscia – e ci spiace per gli utenti, ma bastava che l'azienda rispettasse il contratto di lavoro". L'agitazione odierna non interessa i mezzi del trasporto pubblico locale: a Milano dunque metro, tram e bus di Atm circolano regolarmente. Sul proprio sito Trenord informa che "per il solo servizio aeroportuale, in caso di non effettuazione dei treni, saranno previsti autobus sostitutivi no stop tra le stazioni di Milano Cadorna (via Paleocapa) e Malpensa T1-T2, e tra Luino e Malpensa T1-T2". Probabilmente i disagi andranno avanti a cascata anche oltre le 17.