(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Da sempre zona considerata molto "calda" sul fronte della sicurezza, ieri pomeriggio la stazione Centrale di Milano è stata teatro di una violenta rissa che coinvolto diverse persone. Due gruppi, composti da decine di persone, si sono affrontati con cocci di bottiglie e catene nel piazzale antistante lo scalo ferroviario, in piazza Duca D'Aosta. Erano le 16.30 circa e in quel momento in piazza c'erano diverse persone, soprattutto viaggiatori in transito dalla stazione. Non è chiaro quale sia stato il motivo scatenante della violenta rissa. Sono stati i poliziotti del reparto mobile della polizia di Stato a riportare la calma: alla fine in sette tra i partecipanti alla rissa, un italiano e sei stranieri, sono stati arrestati. Uno di loro nell'episodio ha riportato anche delle ferite giudicate guaribili in dieci giorni. Tre delle persone finite in manette avevano precedenti alle spalle: degli altri arrestati, tre sono richiedenti asilo e due avevano già ricevuto asilo politico.

La riqualificazione della stazione

Negli scorsi mesi l'amministrazione comunale ha annunciato l'avvio di un progetto di riqualificazione della stazione Centrale, un'area sulla quale gravitano ogni giorno circa 400mila persone. L'obiettivo del Comune è quello di rivitalizzare l'area, contribuendo tramite nuove attività commerciali a migliorare la situazione in termini di sicurezza e degrado: "L’area attorno alla Stazione storicamente si deve confrontare con un tema di presidio e decoro, ma stiamo finalmente passando dalle parole ai fatti per avviare la riqualificazione di cui ha bisogno e fare in modo che il rilevato ferroviario non rappresenti più una cesura per la città ma un valore aggiunto. Per questo è importante il contributo di tutti", aveva detto l'assessore all'Urbanistica Pierfrancesco Maran.