in foto: L'ingresso di Villa Ghirlanda a Cinisello Balsamo – Wikipedia

A molti capita di avere il timore di rimanere chiusi in un parco quando arriva sera e il giardino in cui ci si trova sta per chiudere. Un rischio che rischia di diventare reale, perché non sempre si conosce l’orario di chiusura e, in alcuni casi, il custode non riesce a individuare tutte le persone che si trovano all’interno del parco per poterli invitare a lasciare i giardini. Una scena di questo tipo si è verificata ieri a Cinisello Balsamo, dove un uomo è rimasto chiuso nel parco insieme al suo cane. Per uscire ha poi dovuto chiamare un familiare, al quale ha ‘passato’ il cane sopra il cancello che ha poi scavalcato lui stesso con un salto.

Il racconto della vittima di questo incidente evidenzia inoltre anche elementi particolari di questa vicenda: “La cosa assurda è non solo che il parco era stato chiuso con 10 minuti di anticipo, ma che il custode, ancora in giro, mi ha suggerito di passare attraverso un buco della recinzione: bella sicurezza dentro un parco, suggerisco all'assessore di fare delle verifiche".

L’episodio è avvenuto a Cinisello Balsamo, al parco di Villa Ghirlanda. “Ero con Zoe, il mio cane da caccia – racconta ancora l’uomo -. Il parco chiude alle 17 e alle 16,50 ho raggiunto il cancello, era già chiuso”. La vittima di questa disavventura è Francesco Casarolli, segretario nazionale del sindacato Ambiente, Lavoro, Solidarietà. Una volta chiamato un parente per farsi soccorrere, l’uomo ha visto il custode: “L'ho chiamato ma lui mi ha detto che aveva altre cose da finire e suggerito di passare da un buco nella recinzione”.