Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Una profonda ferita alla testa, steso a terra agonizzante, ma ancora vivo, ai bordi di un percorso pedonale che costeggia la ferrovia. A trovarlo è stata una signora che portava a passeggio il suo cane. L'uomo, un 42enne, è stato trovato ieri sera dopo le 19 e 30 a Pioltello, comune alle porte di Milano. Non si trattava di un nordafricano, come erroneamente riportato nelle scorse ore, ma di un italiano tossicodipendente. Quella zona, infatti, è frequentata da residenti che portano a passeggio i cani, senzatetto e, per l'appunto, tossicodipendenti. L'uomo è stato soccorso dal personale del 118 e accompagno immediatamente all'ospedale di Cernusco, ma è morto un'ora dopo il suo arrivo al pronto soccorso.

Sulle cause della morte dell'uomo tutte le piste restano in campo e decisivi saranno i risultati dell'autopsia sulla salma. Sul caso stanno indagando i carabinieri, coordinati dal pm di turno Piero Basilione. Solo l'esame autoptico, come detto, potrà fornire un quadro chiaro su quanto accaduto. La profonda ferita alla testa potrebbe essere stata provocata da qualcuno oppure potrebbe essere stata causata da una caduta accidentale.