C'è grande attesa a Milano per quello che potrebbe essere l'ultimo concerto italiano dei Kiss, la rock band statunitense fondata da Gene Simmons e Paul Stanley nel 1973. Questa sera all'Ippodromo Snai di San Siro, a partire dalle 19.30, la band americana si esibirà nell'unica tappa italiana dell'End of the road tour, cioè quello che come hanno comunicato i "vampiri del rock" sarà il loro tour d'addio. Per i fan italiani della rock band statunitense, entrata a far parte nel 2014 della Rock and roll hall of fame, si tratterà dunque di una di quelle occasioni in cui poter dire con orgoglio: "Io c'ero".

I Kiss sono delle icone del rock

I Kiss sono diventati delle icone del rock, grazie alla loro musica che sconfina tra i generi metal, hard e glam rock e anche grazie alle loro "maschere" dipinte e ai costumi futuristici indossati. Un "marchio di fabbrica" (opportunamente registrato e coperto da copyright) riconoscibile in tutto il mondo che ha consentito alla band di vendere oltre 130 milioni di copie in 45 anni di carriera, costellati da ben 24 album in studio (l'ultimo, Monster, è del 2012) e da spettacolari tour. Quello che arriva quest'oggi sul palco dell'Ippodromo, nella cornice del Milano summer festival segnerà la fine del cammino della band: un percorso iniziato a New York nel 1973 dal bassista Simmons e dal chitarrista Stanley, oggi affiancati dal secondo chitarrista Tommy Thayer e dal batterista Eric Stinger. Sulla piattaforma Vivaticket i biglietti per il concerto di questa sera sono ancora disponibili: restano i posti in piedi, al prezzo di quasi 100 euro l'uno. Una cifra decisamente elevata: ma per sentire per l'ultima volta dal vivo brani come "I was made for lovin' you" o "Rock and roll all nite" (entrambi inseriti nella scaletta, che comprende circa 20 canzoni) forse si può fare qualche sacrificio economico.