0 CONDIVISIONI

Al via il restauro della Galleria Vittorio Emanuele: sarà pronta per l’Expo

Sei mesi di lavoro per 9 milioni di euro: via libera ai lavori di recupero e restauro di Galleria Vittorio Emanuele, che sarà pronta per l’Esposizione Universale del prossimo anno. Polemiche sullo stato d’abbandono dell’area monumentale negli ultimi anni.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Federica Gullace
0 CONDIVISIONI
Immagine

Continuano i lavori di recupero e restauro delle zone più importanti e delle opere più note di Milano, sempre e comunque in prossimità dell’Esposizione Universale del prossimo anno. Questa volta toccherà alla Galleria Vittorio Emanuele, che conta ben 137 anni, e per la quale è stata investita la modica cifra di 9 milioni di euro, 4 provenienti dal Comune di Milano, 3 da privati e il restante dalla PA.
I lavori, che verranno svolti in un tempo non superiore a 6 mesi, data improrogabile poiché scelta in concomitanza della apertura dell’Expo e svolti tutti prevalentemente di notte, per non ostacolare le attività economiche, comprenderanno la pulizia e la restaurazione dei portici settentrionali e meridionali collocati ai lati della Galleria, lavori già cominciati lo scorso giugno. Si procederà poi con i 33 plafoni dei portici, di cui 18 situati sul lato settentrionale e 15 su quello meridionale, ciascuno di 25 metri quadrati, ed infine, si procederà con il restauro degli elementi lapidei dei capitelli in marmo di Carrara e degli archi in granito rosa di Baveno.

Come si legge sul Corriere.it, l’assessore ai Lavori pubblici, Carmela Rozza, si è detta molto entusiasta per l’inizio dei lavori, dato l’importante valore che la Galleria custodisce, ma ha messo luce anche sulla malagestione della vecchia amministrazione: “La Galleria è il biglietto da visita della città, per questo motivo l’amministrazione comunale dedicherà ogni anno tra un milione e mezzo e due milioni di euro per mantenere costantemente la qualità della Galleria. Ricordo che durante lo scorso mandato ho ripetutamente denunciato il degrado in cui versava la Galleria: oggi il Comune sta intervenendo concretamente per eliminarlo.” Polemiche, a cui ha subito obiettato l’ex vice Sindaco De Corato, che ha così replicato: “Metà dei soldi per il restauro della Galleria arrivano da Versace, come contropartita per il subentro del suo negozio alla gioielleria Bernasconi. Peccato che il Tar abbia bocciato questa delibera e che la Corte dei conti abbia chiesto tutta la documentazione. Alla luce di questo, che l’assessore Rozza presenti in pompa magna i restauri della Galleria sembra quantomeno fuori luogo”.

0 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni