Milano diventa per tre giorni la capitale del libro antico. Torna anche quest’anno l’appuntamento de "La mostra internazionale dei Libri Antichi e di Pregio", da venerdì 27 marzo a domenica 29 marzo 2015, presso Palazzo Mezzanotte, in piazza Affari, a Milano. Dopo il grande successo delle edizioni precedenti, che hanno richiamato appassionati del libro antico di tutto il mondo, torna così per la terza volta la celebre mostra, sotto la guida di Fulvio Audibussio, il nuovo Presidente dell’Alai, Associazione librai antiquari d’Italia. Un appuntamento imperdibile, a cui parteciperanno bibliofili, commercianti, grandi nomi dell’editoria italiana, giornalisti di spicco, collezionisti famosi, grandi intellettuali e tanti curiosi. Protagonisti indiscussi i libri, dai miniati agli incunaboli, dalle cinquecentine fino ai moderni libri d’artista, con un vasto ed esaustivo repertorio della storia del libro dalle origini fino alle creazioni più recenti sarà in mostra per tre giorni.

L'esposizione.

Come sempre, vi sarò una vastissima scelta dei volumi esposti: dagli incunaboli, tra i quali l’importante prima edizione in latino delle opere del filosofo greco Plotino stampata a Firenze nel 1492 (Studio Bibliografico Paolo Pampaloni), il celebre vocabolario greco di Suidas stampato a Milano nel 1499 (Il Cartiglio), Le Vite dei Dodici Cesari di Svetonio stampate a Venezia nel 1490 (Studio Atlantis) e l’Imitazione di Cristo di Tommaso da Kempis stampata a Firenze nel 1494 (Studio Bibliografico Maria Calabrò), fino alle rare edizioni del ‘900 come l’edizione originale dei "Canti Orfici" di Dino Campana (Libreria Pontremoli), la prima edizione de "Il porto sepolto" di Giuseppe Ungaretti (Il Muro di Tessa), l’edizione originale della Fanciulla del West di Giacomo Puccini (Studio Bibliografico Pera) o un bell’esemplare del Journal des Dames et Modes (Libreria Antiquaria Gilibert).

Vasta sarà la scelta degli argomenti proposti: dall’economia, con la rarissima prima edizione dell’Altinonfo di Gasparo Scaruffi (Philobiblon Libreria Antiquaria) uno dei più avanzati trattati sulla moneta del 16esimo secolo stampa a Reggio Emilia nel 1582, ai libri scientifici con l’Astronomicon del matematico siciliano di età tardo imperiale Firmicus Maternus (Libreria Antiquaria Ex Libris), la raccolta di opere di Giovanni Poleni, inventore di una delle prime macchine calcolatrici (Libreria Docet) o il raro trattato di gnomonica di Girolamo Cantone stampato a Torino nel 1688 (Archetypon Studio Bibliografico). Dai libri di viaggio, come l’album di incisioni di un Gran Tour in Italia del 1825 (Studio Bibliografico Benacense) alla rarissima raccolta delle Antichità di Ercolano di Ottavio Bayardi (Libreria Antiquaria Pregliasco), dal volume di incisioni dedicate al Campo Marzio da Giovanni Battista Piranesi (Perini Libreria Antiquaria) al Trattato sulle misure e i pesi dei romani e dei greci di Lucas Paetus (Libreria Antiquaria Piemontese) e alla letteratura con la celebre edizione di Dante del 1544 (Meda Riquier Rare Books Ltd). Meritano poi di essere segnalati il manoscritto tardo seicentesco contenente le memorie di Cristina Regina di Svezia (Gabriele Maspero Libri Antichi) e la raccolta di opere erotiche illustrate da Utagawa Kunisada, celebre artista giapponese del XIX secolo (Lella e Gianni Mora).

L'incontro tra i presidenti delle librerie antiquarie.

Parallelamente alla mostra si svolgerà anche l’incontro annuale dei presidenti delle associazioni nazionali delle librerie antiquarie di tutto il mondo, membri dell’Ilab (International league of antiquarian bookseller). Inoltre, tra le numerose iniziative, l’esposizione sarà occasione per sostenere l’evento "L’Alai con l’Ilab per il World Book & Copyright Day": l ’Associazione dei librai antiquari sosterrà infatti il progetto dell'Unesco per la lotta contro l'analfabetismo, ospitando durante i tre giorni dell’esposizione, sempre all’interno della sede di Palazzo Mezzanotte, una "libreria simbolica", che permetterà l’avvio di una raccolta fondi a sostegno dei meno abbienti.

Inoltre, in occasione del cinquecentesimo anniversario dalla morte di Aldo Manuzio, il celebre stampatore veneziano inventore delle edizioni in formato "tascabile", la libreria antiquaria Bibliopathos presenterà un catalogo di cinquecento preziose edizioni aldine, inclusi gli incunaboli greci e latini, e parte di quella degli eredi di Aldo, considerata la più vasta raccolta aldina mai presentata in una mostra antiquaria. Insomma, un’occasione irripetibile per poter ammirare da vicino capolavori assoluti della tipografia di tutti i tempi, dalla prima apparizione del carattere corsivo, alle prime grammatiche greche, le edizioni di Dante e Petrarca, le editiones principes di Aristotele, Platone, Aristofane, Poliziano e dei tragici greci, alcune rare contraffazioni e volumi impressi su pergamena e i celebri volumi portatili che rivoluzionarono non solo la storia della stampa, ma anche la storia della lettura.