in foto: Un supermercato della catena Esselunga

Da un lato c'è una situazione economica che continua a stagnare. Dall'altro un'azienda forte di oltre 22mila dipendenti che continua a crescere. Era comunque difficile per gli organizzatori del Job day Esselunga che si è tenuto la scorsa settimana a Bergamo immaginare un tale successo per il loro incontro: alle selezioni lavorative del colosso della grande distribuzione si sono presentati 620 candidati.

Una partecipazione altissima, come sottolineato dal giornale "L'Eco di Bergamo". Ad attirare i candidati la prospettiva di un "posto fisso", anche se all'inizio con contratto determinato, con stipendi netti che variano dai 700 ai 1.100 euro per cominciare. Ma soprattutto la stabilità di un brand che, nonostante qualche recente scivolone (il "caso" del volantino discriminatorio contro i napoletani alle casse di un punto vendita di Milano ha fatto molto discutere) è sicuramente molto attivo nel campo del mondo del lavoro, alla ricerca continua di personale per i propri punti vendita.

Basta scorrere gli annunci aperti sul sito di Esselunga per rendersi conto di quanto opportunità ci siano all'interno dei diversi punti vendita in tutta Italia. Nella sola Lombardia si contano 54 annunci per Milano e provincia, otto annunci per Brescia e provincia, quattro per il Bergamasco, otto nel Varesotto. Altre posizioni sono aperte nelle altre province lombarde. Si cercano allievi per i diversi settori dei supermercati, addetti alla sorveglianza e anche allievi per una carriera direttiva all'interno dei diversi negozi. Per consultare le diverse posizioni e vedere entro quando poter inviare la candidatura si può andare sul sito esselungajob.it.