Inaugurazione della Nuova Darsena di Milano
in foto: La Nuova Darsena di Milano.

La Darsena è l'antico porto di Milano, punto di incontro tra il Naviglio Pavese e il Naviglio Grande. A differenza di quanto si possa credere, il capoluogo lombardo sorgeva sull'acqua, qualificandosi a tutti gli effetti come città fluviale, alla stessa stregua di Amsterdam e Manhattan, prima che il cemento e l'immondizia la sommergessero completamente. Fino a quando ad aprile del 2015, nell'ambito dei progetti per Expo 2015 e con oltre 19 milioni di euro disponibili, l'intera zona è stata riqualificata, tornando ad essere punto di ritrovo di milanesi e turisti per passeggiate immerse nel verde, shopping low cost e divertimento soprattutto nel weekend.

Come si arriva alla Nuova Darsena di Milano?

Arrivare alla Nuova Darsena di Milano, che si trova in zona Porta Ticinese, per una passeggiata pomeridiana o per trascorrere il sabato sera insieme agli amici è facile se utilizzate i mezzi pubblici. Potete prendere la linea della metropolitana M2 Verde e scendere alla fermata di Porta Genova, oppure potete prendere il tram numero 9 che dalla Stazione Centrale arriva sempre a Porta Genova.

Se amate camminare, potete facilmente raggiungere quest'area a piedi dalla centralissima piazza Duomo in soli 15 minuti. Se siete in macchina, potete far sostare l'auto a pagamento nel parcheggio Darsena Parking in via Trincea delle Frasche 2, a pochi minuti anche dai Navigli, centro indiscusso della movida milanese.

Locali, eventi e mercato: la vita della Nuova Darsena

Dopo gli interventi di riqualificazione, la Darsena è tornata ad essere uno dei simboli di Milano, insieme alla Madonnina, e centro del divertimento cittadino. Oltre a lunghe passeggiate lungo il corso d'acqua sugli spaziosi marciapiedi laterali, potrete fare un giro tra i numerosi negozi e bancarelle che animano questa zona. Molto particolare è l'atmosfera che qui si respira soprattutto a Natale, quando gli addobbi delle feste rendono ancora più magica questa che è tra le aree più antiche del capoluogo lombardo. Un salto è d'obbligo nel mercato coperto, che si trova in piazza XXIV Maggio: si tratta di una struttura moderna in ferro e vetro che si specchia sulle acque della Nuova Darsena. In vendita c'è di tutto: dai generi alimentari alla frutta esotica, dai fiori alle biciclette, con possibilità di fare spuntini e happy hour tra uno stand e l'altro. E' aperto dal lunedì al giovedì dalle 08:00 alle 20:00 e il venerdì e il sabato dalle 08:00 alle 22:00.

Questa zona di Milano è famosa per la presenza di numerosi bar e pub che propongono aperitivi a prezzi contenuti, ma non mancano anche i ristoranti, birrifici artigianali e punti vendita di street food, che tutti i venerdì, sabato e domenica vengono letteralmente presi d'assalto da giovani e famiglie. Concedetevi anche una passeggiata sull'Alazaia del Naviglio Grande, da dove partono le imbarcazioni turistiche che vi permetteranno di fare un giro per tutta la zona bagnata dall'acqua. Durante il percorso, non è raro incontrare artisti di strada e musicisti.

Breve storia della Darsena di Milano

La storia della Darsena di Milano parte da lontano. Sarebbe nata intorno al 1603 da un progetto realizzato durante gli anni del dominio spagnolo per rendere la città un porto commerciale efficiente. E' sempre a questo periodo che risale anche lo scavo del primo tratto del Naviglio Pavese. Ma la sua origine è ancora più antica: nel 1177 si decise di deviare parte del fiume Ticino per creare un canale navigabile dal Lago Maggiore a Milano. Nei secoli ha comunque subito numerosi cambiamenti. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la città meneghina si è piazzata addirittura al 13esimo posto nella classifica dei porti d'Italia per tonnellaggio merci, almeno fino alla fine degli anni Settanta. Da allora, tutta la zona ha versato in condizioni di estremo degrado, fino agli interventi di riqualificazione, progettati nell'ambito di Expo 2015. L'inaugurazione della Nuova Darsena è avvenuta ad aprile 2015: da allora i milanesi si sono riappropriati di uno dei luoghi simbolo della città, oggi meta di turisti e curiosi alla ricerca del divertimento e del relax.