in foto: (Immagine di repertorio)

Mistero a Voghera, in provincia di Pavia, dopo il ritrovamento del cadavere di un uomo di 47 anni, Franco Catracchia. La procura di Pavia ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di reato di omicidio. Sulla testa della vittima, infatti, sono state trovate diverse ferite alla testa inferte da un'arma che, secondo quanto riportato dal quotidiano locale "La Provincia Pavese", non sarebbe stata ancora trovata dai carabinieri.

I militari sono arrivati sulla scena dell'omicidio dopo la segnalazione di un vicino di casa di Catracchia: l'uomo, preoccupato perché non lo vedeva uscire di casa da giorni, ieri sera ha provato a chiamarlo senza ricevere risposta. Avendo trovato la porta di casa aperta è entrato nell'appartamento e ha scoperto il cadavere, che era disteso sul letto con la testa appoggiata sul cuscino, sporco di sangue. La vittima sarebbe stata vista per l'ultima volta martedì 3 gennaio. Da allora di lui si sarebbero perse le tracce, fino al tragico ritrovamento di ieri sera.

I carabinieri avrebbero già iniziato ad ascoltare alcuni testimoni. Catracchia ha avuto in passato problemi legati alla dipendenza dall'alcol. Senza un lavoro stabile, viveva nel suo piccolo appartamento in via Negrotto Cambiaso, alla periferia di Voghera, grazie all'aiuto di alcuni amici e dei padri Barnabiti, che gli pagavano l'affitto. Proseguono anche le ricerche dell'arma del delitto: potrebbe essere un oggetto in ferro o un bastone.

Vota l'articolo:
4.18 su 5.00 basato su 255 voti.
Aggiungi un commento!