Il palazzo che da 26 anni ospita il celebre "10 Corso Como", concept store ideato da Carla Sozzani, sarebbe stato venduto. Secondo un'indiscrezione pubblicata dal "Corriere della sera" la famiglia proprietaria dell'immobile, che si trova in una delle vie più famose della movida milanese, avrebbe trovato un accordo con un acquirente. A comprare il palazzo sarebbe stato un privato italiano – il cui nome è top secret – che ha casa anche all'estero. E che le disponibilità economiche non manchino all'acquirente lo testimonia anche il prezzo pattuito: oltre 20 i milioni di euro che entrerebbero nelle tasche della famiglia Rusconi.

"10 corso Como" era stato creato nel 1991 dalla Sozzani, sorella della direttrice di Vogue Italia, Franca, morta lo scorso dicembre. All'interno del concept store nel corso degli anni si sono insediate diverse attività commerciali e culturali, che ne hanno fatto un importante polo della moda, dell'arte e della fotografia: qui ogni anno sono esposte le foto che partecipano al concorso "World press photo". Da tempo però la società che gestisce gli spazi attraversava problemi: a febbraio era stato avviato l'iter per lo sfratto esecutivo per via di vecchie pendenze mai risolte. Adesso il futuro di "10 corso Como" resta in bilico: non si sa se i nuovi acquirenti porteranno avanti lo sfratto o lasceranno al proprio posto il concept store, che potrebbe però perdere le attività commerciali (un negozio di moda multibrand, un ristorante e un mini hotel) e mantenere solo le attività culturali. Se il futuro milanese di "10 corso Como" è in bilico, il concept store all'estero sembra funzionare: dopo le aperture a Seul e Shangai è in arrivo anche quella a New York.