Momenti di panico, questa mattina, all'aeroporto di Milano Malpensa, dove un falso allarme bomba ha fatto scattare i protocolli di sicurezza e gettato nel terrore i passeggeri di un aereo pronto a prendere il volo. Stando a quanto si apprende, però, a far scattare l'allarme sarebbe stata una frase pronunciata da uno degli addetti ai lavori intorno al velivolo, fraintesa dal personale di bordo e dai passeggeri. La Polizia di Stato ha comunque voluto mettere in atto le procedure previste in casi del genere, perquisendo l'aeromobile in partenza dallo scalo milanese e destinato all'aeroporto di Londra Gatwick.

Dopo aver osservato l'intera procedura di sicurezza, con l'ausilio degli artificieri e delle unità cinofile, e aver perquisito l'intero aeroplano, i bagagli da stiva e tutti i passeggeri a bordo, i poliziotti hanno escluso la presenza di qualsiasi tipo di ordigno all'interno del velivolo, un Boeing 319 della compagnia Easyjet. Quando la situazione si è normalizzata, i passeggeri sono stati fatti accomodare nuovamente ai loro posti, i bagagli sono stati risistemati nella stiva e, sebbene con tre ore di ritardo, l'aereo è decollato alla volta della capitale inglese.