in foto: Denis Zaniboni, il 19enne morto a Carpenedolo

Quello appena trascorso è stato un weekend pesantissimo in Lombardia sul fronte degli incidenti stradali. Cinque le persone che hanno perso la vita in quattro diversi sinistri. A Milano due motociclisti, un 26enne e un 49enne, sono deceduti in circostanze simili dopo aver perso il controllo delle loro due ruote. I due incidenti sabato notte in zona Forlanini e domenica sera in zona Lampugnano.

Sempre nella notte tra sabato e domenica, ma nel Bresciano, a perdere la vita è stato un ragazzo di 19 anni, Denis Zaniboni. Il giovane, che viveva a Visano (Brescia) con i genitori e un fratello maggiore, era in macchina assieme a un amico. A Carpenedolo, in prossimità di una rotonda, l'auto guidata dal coetaneo ha sbandato ed è uscita di strada per motivi ancora da appurare. Le condizioni del 19enne Denis sono subito apparse disperate: il ragazzo è morto durante il trasporto in ambulanza verso l'ospedale di Montichiari. Il suo amico ha invece riportato lievi ferite: è stato sottoposto a test per accertare se avesse bevuto alcol o assunto droghe prima di mettersi alla guida.

Altre due vittime domenica pomeriggio.

Il fine settimana di sangue sulle strade lombarde è proseguito nel pomeriggio di domenica con un altro gravissimo incidente nei dintorni di Pavia, nella frazione di San Genesio. Un'auto con cinque persone a bordo è finita fuori strada, terminando in un fossato pieno d'acqua. Per due degli occupanti non c'è stato nulla da fare: sono morti sul colpo. Le altre tre persone a bordo se la sono invece cavata senza gravi conseguenze. Non si sa ancora con precisione cosa abbia provocato la sbandata della vettura: non ci sono stati comunque altri veicoli coinvolti.