Scene da "Shining" ieri sera alla periferia di Milano. Un uomo di 59 anni, originario dello Sri Lanka, ha provato a sfondare a coltellate la porta della camera dietro cui aveva trovato riparo la moglie, una connazionale di 50 anni. L'episodio, che ricorda una celebre scena della pellicola diretta da Stanley Kubrick con Jack Nicholson, è avvenuto all'interno di un appartamento in via Rogoredo.

Purtroppo per la donna non si è trattato di finzione cinematografica: il marito, alterato dall'alcol, al culmine di un litigio ha preso un grosso coltello dalla cucina e con l'arma ha minacciato la moglie, che è scappata rifugiandosi nella camera da letto. Mentre l'uomo colpiva ripetutamente col coltello la porta, la donna è riuscita a lanciare dalla finestra le chiavi dell'appartamento a un vicino di casa, che ha avvertito i carabinieri. Quando i militari sono intervenuti hanno aperto la porta d'ingresso grazie alle chiavi lanciate dalla donna e hanno trovato il marito alticcio e ancora col coltello in mano. L'uomo si è scagliato contro i carabinieri ma è stato prontamente bloccato e disarmato. I militari dell'Arma hanno poi raggiunto la camera da letto soccorrendo la donna, in forte stato di agitazione. Dopo essere stata tranquillizzata e rassicurata la 50enne ha denunciato il marito: secondo il suo racconto anche in passato l'uomo si era reso protagonista di violenze analoghe.

Il 59enne è stato arrestato con le accuse di maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale. Dopo l'udienza per direttissima che si è tenuta questa mattina il marito violento è stato portato in carcere a San Vittore.