Parte dalla Lombardia il tour teatrale del musical "Papa Francesco, tutto un altro mondo!" interamente dedicato al pontefice argentino, messo in scena dalla compagnia filodrammatica “Entrata di sicurezza". Il testo, appositamente scritto per il pubblico italiano, si avvale delle musiche di Léon Gieco, cantautore argentino famoso in tutto il Sudamerica per la sua canzone “Solo le pido a Diòs” e amico di Jorge Bergoglio.

Il prossimo 4 febbraio lo spettacolo andrà in scena a Vimercate, poi toccherà a Solbiate Olona, Solaro, a Milano – nell’Unità Pastorale Forlanini, in preparazione alla visita in parrocchia di Papa Francesco -, Busto Arsizio e Olgiate Olona: "Lo scopo del nostro lavoro teatrale – spiega Massimo Ciapparella, della compagnia teatrale – è anche quello di sensibilizzare lo spettatore sui temi cari a Papa Francesco, tra tutti l'accoglienza e la misericordia".

La trama del musical.

Il musical racconta la storia di don Oreste, coadiutore di un piccolo paese di montagna, che sta preparando uno spettacolo in omaggio a Papa Francesco e alla sua Argentina da presentare al prossimo festival teatrale della valle. Le prove dello spettacolo avvengono in gran segreto nel teatro parrocchiale perché il tutto non deve essere scoperto dal parroco, che non è particolarmente amante delle novità. A sostenere don Oreste nell'impresa vi sono la madre superiora e il sindaco del paese che si ritrovano catapultati in una serie di rocambolesche situazioni all'insegna dell'umorismo e della comicità.

La colonna sonora dello spettacolo non è composta solo dalle musiche di Leon Gieco, ma anche da quelle di altri autori argentini, come Mercedes Sosa, Eduardo Gatti, Tabaré Cardozo. Nel musical sono toccate anche tematiche sociali, come le sofferenze del popolo argentino in seguito alla dittatura della giunta militare di Videla e quelle più care a papa Francesco Bergoglio quali il riscatto dell'uomo dal peccato, la Misericordia di Dio, l'accoglienza dei poveri.

Il Pontefice sarà per la prima volta a Milano, in visita pastorale, il prossimo 25 marzo. Nel corso della giornata visiterà il carcere di San Vittore, il Duomo ed incontrerà i giovani nel corso di un incontro allo stadio Meazza, che già si preannuncia affollatissimo.