Non ci sarà alcuna proroga di quaranta giorni per i bambini della Lombardia non vaccinati che frequentano gli asili: se entro il dieci settembre i genitori non presenteranno la documentazione richiesta, i figli saranno allontanati dai nidi e dalle scuole di infanzia. Si potrà tuttavia accedere ad un "Percorso formale di recupero dell'inadempimento", che permetterà loro di mettersi in regola entro quaranta giorni e riprendere la frequenza.

Questa la decisione dell'assessore al Welfare della Regione, Giulio Gallera, che invierà una lettera congiunta ai ministri della Salute Beatrice Lorenzin ed a quello dell'Istruzione Valeria Fedeli, annunciando la firma di un decreto apposito. "Avremmo voluto dare 40 giorni di tempo", ha spiegato Gallera, "affinché nessun bambino restasse fuori da scuola e si desse la possibilità ai genitori con più dubbi o resistenze di poter accedere a un percorso di recupero dell'inadempimento, li daremo ugualmente per garantire il vero obiettivo della legge sui vaccini che è quella di raggiungere la massima copertura vaccinale".