Sarà processato con il rito abbreviato – nonostante il pm, in questi giorni, avesse chiesto il giudizio immediato – il finto fotografo che adescava modelle per poi molestarle sessualmente. L'uomo, un 49enne franco algerino, è stato arrestato lo scorso 27 dicembre a Milano dopo essere stato da due indossatrici. Il processo, davanti al gup Ilaria De Magistris, inizierà il prossimo 14 settembre e si svolgerà a porte chiuse. In caso di condanna, la pena per il 49enne subirà lo sconto di un terzo. A suo carico le imputazioni di violenza sessuale, violenza privata e sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

L'uomo si spacciava per un rinomato fotografo.

Come detto, l'inchiesta a carico dell'uomo è scattata quando due indossatrici lo hanno denunciato. Le due ragazze hanno riferito che il 49enne si spacciava per un rinomato fotografo, promettendo un book fotografico gratuito alle modelle. L'uomo le invitava a casa sua con il pretesto delle foto e poi le faceva ubriacare, cominciando a palparle e a fare loro avances di natura sessuale. In un caso, l'uomo avrebbe sequestrato una delle ragazze, vietandole di lasciare l'appartamento. Il 49enne è accusato anche di aver organizzato tre incontri sessuali a pagamento, intascando una somma in denaro per le prestazioni delle ragazze.