La vede sulla metropolitana, scende insieme a lei, la segue fino all'ascensore della fermata della Stazione Centrale di Milano e la palpeggia ai glutei. Vittima una donna di 40 anni peruviana. Il responsabile è un bengalese di 35 anni.

La violenza sessuale alla stazione Centrale di Milano.

E' successo ieri, lunedì 7 agosto 2017, intorno alle 15 e 30 alla stazione Centrale di Milano. Una donna peruviana di 40 anni è stata palpeggiata sull'ascensore della metropolitana. L'aggressore è un bengalese di 35 anni, con precedenti per tentato omicidio, maltrattamenti in famiglia, ricettazione ed evasione. L'uomo ha cominciato a palpeggiare il fondoschiena della donna e poi ha cercato di strusciarsi su di lei. La 40enne peruviana ha cominciato ad urlare e così gli agenti della polizia in servizio alla metropolitana, sentite le fortissime grida della donna, sono arrivati subito in suo soccorso.

I poliziotti della polmetro hanno individuato e bloccato il maniaco proprio fuori dall'ascensore della linea verde in Stazione Centrale. L'uomo, arrestato dagli agenti, ora dovrà rispondere dell'accusa di violenza sessuale. "E' sceso dalla metropolitana insieme a me, mi ha seguito fino all'ascensore e poi, una volta sola, ha cercato di palpeggiarmi e si è strusciato su di me fino a quando non siete arrivati", ha raccontato la 40enne peruviana.  Per lei non sono state necessarie le cure mediche. Il suo aggressore è stato accompagnato prima in commissariato e poi è stato arrestato in attesa di giudizio.