Ennesimo incidente sul lavoro nel Bergamasco, questa volta in una fonderia di Mapello. Un uomo di 52 anni, che lavora come operaio all'interno di un'azienda in via Scotti, è rimasto ustionato sul 60 per cento del corpo. L'incidente, secondo quanto comunicato dall'Azienda regionale emergenza urgenza, è avvenuto intorno alle 5 di questa mattina. Ancora sconosciute le cause dell'infortunio, sulle quali dovranno indagare i carabinieri e gli ispettori dell'Agenzia di tutela della salute (ex Asl) di Bergamo.

L'operaio ha riportato ustioni sul 60 per cento del corpo.

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118 con due ambulanze. L'operaio ferito è stato trasportato in codice giallo all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. L'uomo avrebbe riportato ustioni di secondo grado sul 60 per cento del corpo, ma fortunatamente non sarebbe in pericolo di vita.

A inizio settembre un incidente mortale a Mornico al Serio.

Il primo settembre un operaio di 34 anni, Simone Bergamaschi, aveva perso la vita a Mornico al Serio in un incidente all'interno di una ditta che produce polimeri e materie plastiche, la Ravago Italia. Si era trattato del nono decesso sul lavoro dall'inizio dell'anno in provincia di Bergamo. Adesso un nuovo episodio: anche se fortunatamente in questo caso si può parlare di tragedia scampata, resta alta l'allerta per i continui infortuni sui posti di lavoro: una piaga contro cui lottano da anni tutti i sindacati.