Sono stati pubblicati i primi risultati sulle analisi dell'aria in seguito all‘incendio divampato lo scorso 5 settembre all'interno della ditta Eredi Bertè di Mortara, provincia di Pavia. Secondo l'Arpa Lombardia i livelli di diossine non sono preoccupanti per l'ambiente. Il grado di concentrazione nell'aria, si legge nel comunicato stampa diffuso ieri, è di 0.50 picogrammi equivalenti per metro cubo (pgTeq/m3) per il primo campionatore e 0.44 per il secondo. La concentrazione di benzoapirene è inferiore a 0.33 e 0.66 ng/m3. Il campione di via Bossi Gregotti, spiega Arpa, copre la fascia temporale che va da mezzogiorno del 6 settembre alle 11 del 7 settembre, mentre quello di via  Andrea De Contiano va dalla mezzanotte del 6 al mezzogiorno del 7. Nella zona, inoltre, ha piovuto e i venti forti hanno favorito ulteriormente la dispersione degli inquinanti.

Arpa: "Valori in linea con le attese"

"I valori rilevati sono in linea con le attese e comunque più bassi di quanto già rilevato, anche recentemente, in incendi analoghi. Inoltre, con lo spegnimento dell'incendio e grazie alle condizioni meteo favorevoli previste per i prossimi giorni, è presumibile il totale abbattimento delle emissioni", ha dichiarato Bruno Simini, presidente dell'Agenzia Arpa Lombardia.

Domani le scuole del paese riapriranno, mentre resterà invece in vigore l'ordinanza del sindaco, che vietava di raccogliere e consumare frutta e verdura coltivata nella zona dell'incendio. Questo finché non arriveranno ulteriori informazioni comunicazioni dalle autorità sanitarie.