Era seduto a un binario della stazione Centrale di Milano con uno zaino. Nella sacca però un ragazzo di 23 anni, di nazionalità nigeriana, non custodiva solo i suoi effetti personali ma oltre un chilogrammo di marijuana. Il 23enne è stato arrestato dalla polizia ferroviaria in servizio presso lo scalo principale del capoluogo lombardo, che si è insospettita per la presenza del giovane nei pressi del binario e lo ha fermato per un controllo.

Già una volta vicini al ragazzo gli uomini della polfer hanno avvertito un forte odore di marijuana provenire dallo zaino. Alla richiesta dei documenti il 23enne ha detto di non averli. I poliziotti hanno quindi chiesto di controllare lo zaino, suscitando la reazione nervosa da parte del giovane. Il motivo è stato presto spiegato: all'interno dello zaino, ben nascosto dagli indumenti, c'era un grosso involucro di cellophane, delle dimensioni di un pallone da calcio, contenente oltre un chilo di marijuana. La droga è stata sequestrata mentre per il 23enne sono scattate le manette.